Cookies disclaimer

I agree This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy. If you want to know more or withdraw your consent to all or some of the cookies, please refer to the cookie policy. By closing this banner, scrolling this page, clicking a link or continuing to browse otherwise, you agree to the use of cookies.

Campuse.ro
[INFN] Fotoni: dalle radiografie alle spade jedi (Luca Serafini) #CPIT2
[INFN] Fotoni: dalle radiografie alle spade jedi (Luca Serafini) #CPIT2
Talk: [INFN] Fotoni: dalle radiografie alle spade jedi (Luca Serafini) #CPIT2 Science
More Information
Description:

Cosa hanno a che vedere le radiografie con le spade laser di “Star Wars”, selettive, potenti e inattaccabili? Se mai cercassimo di sviluppare una spada laser, dovremmo costruire una sorgente ultra-intensa di raggi X, proprio quei raggi X impiegati nelle radiografie, e il livello di intensità dovrebbe essere tale da poter vedere la luce quando “inizia a interagire con se stessa”.

A volte la fantascienza sogna situazioni che hanno fondamenti scientifici, e qui Jules Verne la fa da maestro. La teoria Quantum Electro-Dynamics, le cui previsioni hanno consentito di scoprire, ad esempio, l’anti-materia, è in grado di spiegare la situazione in cui i fotoni di due fasci di luce “rimbalzano” l’uno contro l’altro, giustificando quindi la possibilità che le spade Jedi possano neutralizzarsi a vinceda. La costruzione di una spada Jedi, inoltre, si fonda sulla stessa tecnologia degli acceleratori di particelle, che ha portato, nei decenni, alla costruzione di strumenti di ricerca avanzati basati su “collisori” di particelle, il più grande dei quali, il Large Hadron Collider del CERN, ha permesso la fondamentale scoperta del bosone di Higgs. 



Speakers:

Luca Serafini - Dirigente di ricerca dell'INFN

Luca Serafini è dirigente di ricerca all’INFN. Ha una lunga esperienza in fisica e tecnologia degli acceleratori di particelle in diversi settori. E’ responsabile scientifico del Progetto ELI-NP-GBS per la collaborazione EuroGammaS. e coordinatore del Design Study per il progetto MariX presso il futuro Campus Scientifico dell’Università di Milano nell’area Expo. I suoi interessi si rivolgono anche a studi fondamentali sulla produzione di fasci avanzati di muoni, neutrini e fotoni altamente energetici, oltre che all’interazione fondamentale fotone-fotone. 


Level:

Beginner

Comments

Remember that to comment you must participate in the activity.

About this activity