Cookies disclaimer

I agree This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy. If you want to know more or withdraw your consent to all or some of the cookies, please refer to the cookie policy. By closing this banner, scrolling this page, clicking a link or continuing to browse otherwise, you agree to the use of cookies.

Campuse.ro
La realtà virtuale immersiva in psicologia e neurologia (Salvatore Aglioti) #CPIT2
La realtà virtuale immersiva in psicologia e neurologia (Salvatore Aglioti) #CPIT2
Talk: La realtà virtuale immersiva in psicologia e neurologia (Salvatore Aglioti) #CPIT2
More Information
Description:

La tendenza delle società tecnologiche a diventare sempre più digitali pone il tema di un futuro in cui la realtà virtuale immersiva (RVI) arriverà a competere con il mondo reale e gli esseri umani vivranno attraverso agenti artificiali surrogate (robot o avatar). Se da un lato viene, giustamente, sollevato il problema dell’uso improprio di queste tecnologie, studi psicologici e neurologici suggeriscono che la RVI può generare notevoli benefici. Verranno forniti alcuni esempi di studi nei quali la combinazione di RVI ed elettroencefalogramma mostrano che ‘incorporare’ un avatar comporta una specifica reazione cerebrale che può essere utilizzata per il controllo di agenti artificiali tramite lettura di segnali neurali.  Verranno inoltre discussi studi nei quali la RVI consente di cambiare alcune nostre profonde attitudini quali ad esempio il bias razziale suggerendo che le nuove tecnologia potranno avere una grande influenza nel migliorare le relazioni interpersonali.



Speakers:

Salvatore Aglioti - Social and Cognitive Neuroscience researcher

Salvatore Maria Aglioti (http://agliotilab.org). Dipartimento di Psicologia, Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università di Roma. Co-ordinatore del Dottorato internazionale CoSAN (Cognitive Social and Affective Neuroscience), Sapienza Università di Roma. Da circa ventanni studia la rappresentazione cerebrale del corpo in soggetti sani e cerebrolesi.  Tra gli interessi di ricerca più recenti ci sono molteplici temi di neuroscienze sociali che includono: a) i correlati nervosi dei processi empatici; b) le basi cerebrali dell’eccellenza nello sport e nell’arte; c) la relazione tra cervello e spiritualità. Ha pubblicato circa 230 articoli scientifici in lingua inglese e vari saggi in Italiano, lingua nella quale ha recentemente pubblicato (insieme a Giovanni Berlucchi) il volume "Neurofobia. Chi ha paura del cervello?" Cortina: Milano, 2013.


Level:

Beginner

Comments

Remember that to comment you must participate in the activity.

About this activity