Cookies disclaimer

I agree This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy. If you want to know more or withdraw your consent to all or some of the cookies, please refer to the cookie policy. By closing this banner, scrolling this page, clicking a link or continuing to browse otherwise, you agree to the use of cookies.

Campuse.ro
[UNISTRASI] Valicare le frontiere: realtà aumentata e apprendimento delle lingue (Alessandro Puglisi) #CPIT2
[UNISTRASI] Valicare le frontiere: realtà aumentata e apprendimento delle lingue (Alessandro Puglisi) #CPIT2
Workshop: [UNISTRASI] Valicare le frontiere: realtà aumentata e apprendimento delle lingue (Alessandro Puglisi) #CPIT2 Technology
More Information
Description:

La teoria della convergenza di Negroponte ha fornito un quadro teorico di grande efficacia nella lettura delle trasformazioni tecnologiche, socio-culturali ed economiche legate al digitale. Su questo sfondo, i concetti di “realtà” e “virtualità” non possono più essere osservati come coppia dicotomica, giacché essi rappresentano ormai i due estremi di un continuum in progressiva espansione. All’interno di questa gradatio, l’augmented reality si propone quale istanza che può modificare l’esperienza di “conoscenza del mondo” dal punto di vista semiotico. Come ha osservato Denis Hurley, applicando l’idea di realtà aumentata all'apprendimento delle lingue, si generano opportunità di enorme rilievo ed emerge, al contempo, una sfida cruciale da affrontare nel prossimo futuro. Sul fronte delle opportunità, si annoverano tre snodi fondamentali: spatial-contextual awareness, situated media e assistive technology. La sfida deriva invece dall’assenza, allo stato attuale, di piattaforme e dispositivi di realtà aumentata che si possano considerare davvero “abilitanti”.

Le interazioni tra spatial-contextual awareness, situated media e assistive technology vengono evidenziate passando per tre esempi: 1) l’app Mondly, 2) una breve demo in realtà aumentata creata da Frances Ng con ARKit e CoreML, 3) Guardians of the Mo’o, un augmented reality mobile game frutto di una sperimentazione condotta all’Università di Hawai'i at Mānoa tramite la piattaforma ARIS. Ciò che emerge da questa ricognizione, in definitiva, è la necessità di ripartire dai concetti di motivazione e apprendimento significativo e guardare alle possibili declinazioni glottodidattiche della realtà aumentata nel breve e medio termine.



Speakers:

Alessandro Puglisi - Dottorando di ricerca in Linguistica at Università per Stranieri di Siena

Laureato in Scienze dello Spettacolo, specializzato in Didattica a stranieri, insegnante di italiano L2 online e “offline”, svolge le proprie ricerche nell’ambito della social network analysis applicata alle dinamiche interazionali nei MOOC di lingua italiana.


Level:

Beginner

Comments

Remember that to comment you must participate in the activity.

About this activity